Banner grande 1
Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: [curiosità] i limiti del ministero sugli integratori

  1. #1
    Gentiluomo di Fortuna
    L'avatar di Drugo84
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    Zion
    Messaggi
    29,229
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Post [curiosità] i limiti del ministero sugli integratori


    Contenuto primo messaggio - Trova offerte
    così nn mi scocciate +

    Integratori di vitamine e/o di minerali
    <hr class="col3hr" size="2">
    Forniscono un apporto predefinito di vitamine e/o di minerali senza contenuti nutrizionali significativi di altra natura. Nella tabella seguente si riportano i valori di riferimento per l'apporto giornaliero.
    <table class="tab2colori_sfondo_col3_nofont" summary="Tabella di layout" align="center" border="0" cellpadding="2" cellspacing="1" width="68%"> <tbody> <tr class="tab2colori_testata_col3_font"> <td width="40%">VITAMINE</td> <td width="49%">VALORI DI RIFERIMENTO</td> <td width="11%">
    </td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina A</td> <td>mcg 800 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina D</td> <td>mcg 5</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina E</td> <td>mg 10 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina K </td> <td>mcg 70 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina C </td> <td>mg 60</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>tiamina (vitamina B1)</td> <td>>mg 1,4</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>riboflavina (vitamina B2)</td> <td>mg 1,6 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>niacina </td> <td>mg 18 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina B6 </td> <td>mg 2</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>folacina (acido folico) </td> <td>mcg 200 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vitamina B12</td> <td>mcg 1 *-2 </td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>biotina </td> <td>mg 0,15 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>acido pantotenico </td> <td>mg 6 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_testata_col3_font"> <td>
    MINERALI
    </td> <td>
    VALORI DI RIFERIMENTO
    </td> <td> </td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>calcio</td> <td>mg 800 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>fosforo</td> <td>mg 800 </td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>ferro</td> <td>mg 14</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>magnesio</td> <td>mg 300</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>zinco</td> <td>mg 15</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>iodio</td> <td>mcg 150</td> <td>*</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>rame</td> <td>mg 1,2</td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>fluoro</td> <td>mg 1,5-4</td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>selenio</td> <td>mcg 55</td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>manganese</td> <td>mg 1 - 10</td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>cromo</td> <td>mcg 50-200</td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>molibdeno </td> <td>mcg 50-100 </td> <td>**</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>vanadio</td> <td>mcg 10 </td> <td>***</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>boro</td> <td>mg1</td> <td> </td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>Cloro, sodio, potassio</td> <td>valore non definito</td> <td> </td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>Altri oligoelementi (nichel, stagno,silicio)</td> <td>valore non definito</td> <td> </td></tr></tbody></table> <table summary="Tabella di layout"> <tbody> <tr class="smallfont"> <td>*</td> <td>RDA valori previsti dalle norme sull'etichettatura nutrizionale degli alimenti</td></tr> <tr class="smallfont"> <td>**</td> <td>LARN 1996</td></tr> <tr class="smallfont"> <td>***</td> <td>l'apporto giornaliero non deve superare il valore massimo del range indicato</td></tr> <tr class="smallfont"> <td>****</td> <td>valore tratto da dati OMS</td></tr></tbody></table> Apporti giornalieri

    Con le quantità d'uso indicate in etichetta, i prodotti devono fornire un apporto giornaliero di vitamine e o di minerali compreso tra il 30% e il 150% del valore di riferimento.

    I predetti limiti valgono anche per il beta-carotene (max 7,5 pari al 150% della RDA come equivalente della vitamina A)

    Ove l'apporto di riferimento sia quello previsto per l'etichettatura nutrizionale degli alimenti (decreto legislativo 77/93), i tenori vitaminico-minerali sulla dose giornaliera vanno espressi anche come percentuale della RDA.


    Per la vitamina E e la vitamina C è ammesso un apporto giornaliero massimo corrispondente al 300% del valore di riferimento, in considerazione della loro fisiologica azione protettiva in senso antiossidante.


    Gli integratori contenenti acido folico, per fare riferimento in etichetta all'indicazione per la gestante, devono fornire con le dosi giornaliere 400 mcg di tale vitamina.


    La presenza di vitamine e minerali negli integratori alimentari può essere rivendicata solo se l'apporto di tali nutrienti con le dosi consigliate rientra nei limiti sopra indicati.

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Gentiluomo di Fortuna
    L'avatar di Drugo84
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    Zion
    Messaggi
    29,229
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Predefinito

    LIMITI DI ACCETTABILITÀ DEI TENORI NUTRIZIONALI DICHIARATI IN ETICHETTA.
    E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 264 dell’11 novembre 2002 la Circolare 30 ottobre 2002,
    n.7
    “Prodotti disciplinati dal decreto legislativo 27 gennaio 1992, n.111: Criteri per la
    valutazione della conformità delle informazioni nutrizionali riportate in etichetta”.
    Come e' noto, gli alimenti per la prima infanzia e i prodotti dietetici sono regolamentati
    dal decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 111, come prodotti destinati ad una
    alimentazione particolare, in attuazione della direttiva n. 89/398/CEE.
    Nel campo di applicazione dello stesso decreto legislativo, al momento, ricadono
    anche gli integratori alimentari e gli alimenti arricchiti, per quanto indicato da questo
    Ministero con circolare 16 aprile 1996, n. 8.
    Esigenze di vigilanza sulla produzione e sul commercio dei prodotti dietetici e degli
    alimenti per la prima infanzia hanno portato alla definizione in ambito nazionale dei
    limiti di accettabilità, al momento della verifica analitica, dei tenori nutrizionali dichiarati in
    etichetta.
    Tali limiti sono riportati nelle circolari 22 marzo 1980 e 22 marzo 1984, entrambe
    recanti il n. 27, come modificate con circolare 9 febbraio 1991, n. 5.
    Alla luce delle attuali esigenze, si e' ritenuto opportuno sottoporre a riesame la
    materia nell'intento di predisporre uno strumento aggiornato, in grado di agevolare il
    lavoro degli organi di vigilanza, nonché di fornire al settore produttivo utili indicazioni
    nell'ottica di una corretta informazione del consumatore attraverso le etichette.
    Nell'aggiornamento dei limiti di accettabilità dei tenori nutrizionali dichiarati in
    etichetta, si e' tenuto conto di vari elementi, quali in particolare lo sviluppo delle tecniche
    analitiche, la variabilità quali-quantitativa derivante dalle materie prime e dai processi
    tecnologici di produzione, nonché le disposizioni vigenti sull'etichettatura nutrizionale
    e l'aumentato numero di sostanze presenti nella composizione dei prodotti.
    Si e' così pervenuti alla definizione dei valori precisati in allegato, approvati dalla
    commissione consultiva per i prodotti destinati ad una alimentazione particolare.
    La presente circolare, che sostituisce la circolare 22 marzo 1980, n. 27, la circolare
    22 marzo 1984, n. 27, e la circolare 9 febbraio 1991, n. 5, viene pubblicata nella Gazzetta
    Ufficiale della Repubblica italiana.
    Roma, 30 ottobre 2002
    Il direttore generale sanità pubblica veterinaria
    alimenti e nutrizione
    Marabelli
    Allegato
    Componente Tolleranza analitica
    Proteine totali (N x 6,25):
    per contenuti fino all'1,5% (*) + o - 0,2 unità
    per contenuti superiori all'1,5% + o - 15%
    Aminoacidi + o - 20%
    Aminoacidi solforati, triptofano + o - 25%
    Grassi:
    per contenuti fino al 2,5% (*) + o - 0,5 unità
    per contenuti superiori al 2,5% + o - 15%
    acidi grassi + o - 25%
    fosfolipidi totali + o - 20%
    singoli fosfolipidi + o - 25%
    Carboidrati totali, zuccheri, polialcooli:
    per contenuti fino al 10 + o - 1 unità
    per contenuti superiori al 10% + o - 15%
    Minerali + o - 25%
    Minerali in quantità inferiore ad 1 mg/100 g + o - 50%
    Selenio in quantità fino a 40 mcg/100 g + o - 75%
    Vitamine + 30% / -20%
    Vitamina E + 50% / -20%
    Vitamina C + 100 / -20%
    Vitamine in quantità inferiori a 0,5 mg/100 g
    o 250 UI/100 g + o - 50%
    Altri elementi:
    (beta) Carotene + 30% / -20%
    Carnicina + o - 15%
    Coenzima Q 10 + o - 20%
    Colina + o - 25%
    Creatina + o - 15%
    Fibra alimentare, inulina + o - 25%
    Flavonoidi o antociani + o - 30%
    Glutatione + o - 20%
    Nucleotidi + o - 25%
    (*) Legenda: per questi prodotti è consentita la dichiarazione "non superiore a ...":
    in questo caso si applica solo il valore superiore.
    Note: le tolleranze non si applicano ai carboidrati calcolati per differenza.
    Per prodotti a ridotto tenore in sodio è consentita la dichiarazione "non superiore a
    ..."; in questo caso si applica solo il valore superiore.

  4. #3

  5. #4
    Gentiluomo di Fortuna
    L'avatar di Drugo84
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    Zion
    Messaggi
    29,229
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Predefinito

    Disposizioni specifiche per ingredienti di derivazione erboristica
    <hr class="col3hr" size="2">Al fine di aumentare il livello di tutela della salute pubblica sono state previste delle disposizioni particolari per alcuni componenti vegetali, di seguito riportate, mentre altre sono allo studio.

    BIOFLAVONOIDI
    Nota diramata in data 4 luglio 2002 dalla Direzione Generale Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione alle Associazioni di categoria, Enti e Operatori interessati (prot. 600.12/AG21/2092) circa la problematica in oggetto
    La problematica concernente la sicurezza d'uso dell'assunzione di supplementi di bioflavonoidi durante la gravidanza è attualmente allo studio a seguito della segnalazione, per alcune di tali sostanze, della possibilità di aumento del rischio di gravi patologie, pur rare, nel primo anno di vita.
    Sentito il Gruppo di esperti di cui al DPR 19 gennaio 1998, n. 131, art. 4 nella seduta del 2 luglio 2002, si richiede, quale misura cautelare, l'inserimento nell'etichetta di integratori che contengano tali sostanze della seguente avvertenza:
    "Non assumere durante la gravidanza"
    Tale avvertenza deve essere riportata in caratteri ben evidenti. Il settore produttivo è invitato a provvedere nel senso sopra specificato, nel più breve tempo possibile, adeguando le etichette dei prodotti in questione, rietichettando quelli già immessi sul mercato o provvedendo al loro ritiro.
    Si confida in una pronta attuazione di quanto richiesto.
    Si segnala, infine, che la problematica in questione è stata sottoposta all'attenzione del Consiglio Superiore di Sanità e della Commissione Europea.

    CITRUS AURANTIUM
    L'utilizzo di Citrus aurantium come ingrediente è subordinato all’adozione dei seguenti criteri:
    1. Occorre sempre indicare la titolazione in sinefrina
    2. L’apporto massimo di sinefrina non deve superare i 30 mg/die, corrispondenti a circa 800 mg di citrus aurantium titolato al 4% in sinefrina
    3. Riportare in etichetta le seguenti avvertenze:
    · non superare la dose giornaliera consigliata
    · in presenza di cardiovasculopatie e/o ipertensione, prima di assumere il prodotto, consultare il medico
    · si sconsiglia l’uso del prodotto in gravidanza, durante l’allattamento e al di sotto dei 12 anni.

    GINKGO BILOBA
    Considerati i dati scientifici oggi disponibili è richiesto l’inserimento nell’etichetta dei prodotti contenenti Ginkgo biloba della seguente avvertenza:
    · Se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, consultare il medico prima di assumere il prodotto.
    · Si sconsiglia l’uso del prodotto in gravidanza e durante l’allattamento.

    HYPERICUM PERFORATUM
    L’utilizzo di Hypericum perforatum come ingrediente, tenuto conto del parere espresso dal Consiglio d’Europa nel 44° meeting (12-16 aprile 1999, documento RD 4.2/2-44) in merito all’ipericina (TDI 0,3 MCG/Kg di peso corporeo/die), nonché dell’allegato V del decreto legislativo 25 gennaio 1992 n.107 (attuazione delle direttive 88/338 CEE e 91/71 CEE relative agli aromi destinati ad essere impiegati nei prodotti alimentari ed ai
    materiali per la loro preparazione), è subordinato all’adozione dei seguenti criteri:
    1. Occorre sempre indicare la titolazione in ipericina
    2. L’apporto giornaliero di ipericina non deve superare i 21 mcg/die, tenore che corrisponde a 7 mg di iperico (titolato allo 0,3% in ipericina)
    3. In etichetta deve essere indicato il tenore di ipericina per dose giornaliera.

    ISOFLAVONI
    La presenza di isoflavoni dev’essere valutata con particolare attenzione in relazione al tenore di tali ingredienti.
    L’apporto giornaliero non deve superare gli 80 mg/die.
    La presentazione, nonché il nome commerciale di tali prodotti, non deve richiamare azioni di tipo estrogenico.

    KAVA KAVA
    Nota, prot.600.12/AG45.1/221, del 22 gennaio 2002, a firma del Direttore Generale, relativa alla sospensione cautelativa della commercializzazione di prodotti contenenti KAVA KAVA (Piper methysticum) diramata alle Associazioni di categoria e agli Enti e Operatori interessati e all'Istituto superiore di sanità per il parere tecnico.
    Sospensione cautelativa della commercializzazione di prodotti contenenti KAVA KAVA (Piper methysticum)
    La problematica concernente la sicurezza d'uso del Kava kava, sostanza vegetale che in Italia viene impiegata come ingrediente di integratori o comunque di prodotti salutistici, è attualmente in esame in ambito europeo a seguito della segnalazione di effetti collaterali a carico della funzione epatica verificatisi in Svizzera e in Germania.
    Sentito il parere del Gruppo di esperti di cui al DPR 19 gennaio 1998, n. 131, art. 4 nella seduta del 16 gennaio 2002, si richiede, quale misura cautelare, la sospensione della commercializzazione dei prodotti in questione.
    Le imprese titolari di integratori contenenti kava kava debbono ottemperare alla suddetta richiesta.
    Gli interessati, in ogni caso, sono pregati di fornire allo Scrivente ogni utile elemento di cui dispongano ai fini della valutazione della sicurezza d'uso del Kava kava.
    La problematica in questione è sottoposta all'attenzione dell'ISS per un competente parere.

  6. #5
    Gentiluomo di Fortuna
    L'avatar di Drugo84
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    Zion
    Messaggi
    29,229
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Predefinito

    Integratori di aminoacidi
    <hr class="col3hr" size="2">
    La tabella sottostante riporta la stima dell'apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi essenziali per l'adulto (mg/kg del PRI di ciascun aminoacido essenziale moltiplicato per un peso di 70 kg)

    <table class="tab2colori_sfondo_col3_nofont" summary="Tabella di layout" align="center" border="0" cellpadding="2" cellspacing="1" width="68%"> <tbody> <tr class="tab2colori_testata_col3_font"> <td width="43%"> </td> <td width="21%"> </td> <td width="36%">% degli essenziali </td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>ISTIDINA</td> <td>mg 1120</td> <td align="center">12,6</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>ISOLEUCINA</td> <td>mg 910</td> <td align="center">10,2</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>LEUCINA</td> <td>mg 1330</td> <td align="center">15</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>LISINA</td> <td>mg 1120 </td> <td align="center">12,6</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>METIONINA + CISTEINA</td> <td>mg 1190</td> <td align="center">13,4</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>FENILALANINA + TIROSINA </td> <td>mg 1330 </td> <td align="center">15</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>TREONINA </td> <td>mg 630</td> <td align="center">7,1</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>TRIPTOFANO</td> <td>mg 350 </td> <td align="center">3,9</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>VALINA</td> <td>mg 910</td> <td align="center">10,2</td></tr> <tr class="tab2colori_cell_col3_font"> <td>totale</td> <td>mg 8890</td> <td align="center">100</td></tr></tbody></table>
    Espresso come proteine, si stima in 70 g l'apporto giornaliero proteico di riferimento per l'adulto.

    Gli integratori di aminoacidi possono essere ricondotti alle seguenti categorie:
    - miscele di aminoacidi
    - combinazioni mirate di aminoacidi
    - aminoacidi singoli

    Miscele di aminoacidi

    Contengono aminoacidi essenziali ed eventualmente anche non essenziali.
    Si configurano come miscele di aminoacidi essenziali quelle con tutti gli aminoacidi essenziali (l'istidina può essere considerata facoltativa).

    Le dosi giornaliere consigliate devono tener conto del ruolo integrativo di tali prodotti che sono destinati a complementare l'apporto proteico della razione alimentare quando questo, da solo, non basta ad ottimizzare il bilancio azotato dell'organismo.
    Per far fronte a tale obiettivo, che va chiaramente espresso nelle indicazioni, la proporzione degli aminoacidi essenziali deve essere in accordo con le fisiologiche richieste di ciascuno di essi, risultando sostanzialmente in linea con le percentuali della tabella.

    Per prodotti contenenti aminoacidi essenziali in proporzioni sostanzialmente diverse, va indicata la specifica finalità che sarà valutata caso per caso sulla base dei dati disponibili.

    Va riportata infine la seguente avvertenza in etichetta:
    - E' necessario sentire il parere del medico in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane).
    - Non assumere il prodotto in caso di patologie epatiche o renali, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni se non dopo aver consultato il medico

    Combinazioni mirate di aminoacidi e aminoacidi singoli

    Si prefiggono delle finalità particolari.
    Sono ammissibili in etichetta specifici riferimenti funzionali o trofici purché documentati.

Discussioni Simili

  1. un consiglio sugli integratori
    Di rik80 nel forum Integratori uso e caratteristiche.
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 09-02-2004, 01:19:55
  2. La verità sugli integratori
    Di Gawain nel forum Notizie in Home Page
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 11-01-2003, 16:59:54
  3. La verità sugli integratori
    Di Gawain nel forum Integratori uso e caratteristiche.
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 06-07-2002, 09:26:11
  4. Legislazione Europea sugli integratori
    Di Vito nel forum Integratori uso e caratteristiche.
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-12-2000, 00:33:00

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •