Banner grande 5 (Testobol)
Pagina 4383 di 4571 PrimaPrima ... 338338834283433343734380438143824383438443854386439344334483 ... UltimaUltima
Risultati da 65,731 a 65,745 di 68562

Discussione: Attenzione: Calcio Inside! Parte III

  1. #65731
    Csar L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    99,462
    Like
    2,566
    Ringraziato 3,391 volte in 2,376 post

    Predefinito


    Contenuto primo messaggio - One Chance
    Mi sa che nell'intervallo è andato negli spogliatoi Lotito a farsi sentire. Dopo 10 minuti del secondo tempo la Lazio ha riacchiappato il pari segnando due goal: 3-3
    Ducunt fata volentem, nolentem trahunt

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #65732
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    29,169
    Like
    1,290
    Ringraziato 1,479 volte in 1,169 post

    Predefinito

    C R 8 0 0

    Cristiano Ronaldo ha appena segnato il suo 800º gol in carriera.





    Citazione Originariamente Scritto da luna80 Visualizza Messaggio
    una rima la faccio anche io
    anche se mi viene da dire solo porc0 pio
    il rap non mi piace affatto
    ma piace a emme che ne va matto
    ora la smetto perchè non sono buona
    e torno a fare la brontolona
    saluti a tutti e tanti baci
    dico a tutti voi "tu mi piaci"

  4. #65733
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    29,169
    Like
    1,290
    Ringraziato 1,479 volte in 1,169 post

    Predefinito

    Come non detto, ora 801.

    Inviato dal mio SM-G988B utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da luna80 Visualizza Messaggio
    una rima la faccio anche io
    anche se mi viene da dire solo porc0 pio
    il rap non mi piace affatto
    ma piace a emme che ne va matto
    ora la smetto perchè non sono buona
    e torno a fare la brontolona
    saluti a tutti e tanti baci
    dico a tutti voi "tu mi piaci"

  5. #65734
    Bodyweb Senior
    L'avatar di germanomosconi
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    pordenone
    Messaggi
    10,860
    Like
    955
    Ringraziato 313 volte in 254 post

    Predefinito

    Che carriera mostruosa...
    Citazione Originariamente Scritto da Marco pl Visualizza Messaggio
    i 200 kg di massimale non siano così irraggiungibili in arco di tempo ragionevole per uno mediamente dotato.
    Citazione Originariamente Scritto da master wallace Visualizza Messaggio
    IO? Mai masturbato.
    Citazione Originariamente Scritto da master wallace Visualizza Messaggio
    Io sono drogato..

  6. #65735
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    29,169
    Like
    1,290
    Ringraziato 1,479 volte in 1,169 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da germanomosconi Visualizza Messaggio
    Che carriera mostruosa...
    Numeri alla mano, considerando anche l'assurda longevità e continuità, passando per l'incredibile costanza su diverse competizioni e soprattutto squadre e campionati differenti (non è da tutti) , è probabilmente il miglior Goleador di sempre, se non il migliore di sempre davvero.
    Citazione Originariamente Scritto da luna80 Visualizza Messaggio
    una rima la faccio anche io
    anche se mi viene da dire solo porc0 pio
    il rap non mi piace affatto
    ma piace a emme che ne va matto
    ora la smetto perchè non sono buona
    e torno a fare la brontolona
    saluti a tutti e tanti baci
    dico a tutti voi "tu mi piaci"

  7. #65736
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    29,169
    Like
    1,290
    Ringraziato 1,479 volte in 1,169 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da luna80 Visualizza Messaggio
    una rima la faccio anche io
    anche se mi viene da dire solo porc0 pio
    il rap non mi piace affatto
    ma piace a emme che ne va matto
    ora la smetto perchè non sono buona
    e torno a fare la brontolona
    saluti a tutti e tanti baci
    dico a tutti voi "tu mi piaci"

  8. #65737
    tardona's lover e tanardo
    L'avatar di Steel77
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Località
    a casa mia alla ricerca di me stesso
    Messaggi
    70,858
    Like
    1,291
    Ringraziato 977 volte in 701 post

    Predefinito

    Mito

  9. #65738
    Bodyweb Senior
    L'avatar di Venkman85
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Liguria
    Messaggi
    4,545
    Like
    280
    Ringraziato 588 volte in 502 post

    Predefinito

    Un gol al nono minuto di recupero è un record?

    Inviato dal mio Redmi Note 8T utilizzando Tapatalk

  10. #65739
    Csar L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    99,462
    Like
    2,566
    Ringraziato 3,391 volte in 2,376 post

    Predefinito

    Alla Lazio non c’è l’effetto Sarri e per ora il sarrismo ha fatto un buco nell’acqua. Dopo l’entusiasmo iniziale per il passaggio da Inzaghi al guru italiano del calcio spettacolo, arrivano sconfitte e delusione. Simone Inzaghi ha preso l’Inter senza stravolgerla, Sarri ha introdotto brutalmente la sua filosofia di gioco forse chiedendo troppo alla squadra. In questo momento tutto dice male a Sarri, ma nel sarrismo o si ha fede o non si ha fede.

    Lazio-Udinese 4-4
    Se la Lazio avesse vinto con l’Udinese, e fino a un minuto dalla fine della partita lo stava effettivamente facendo, sarebbe ora a braccetto con Juventus, Bologna e Fiorentina. Un gol e un paio di punti possono fare la differenza tra una situazione accettabile, non entusiasmante ma affrontabile e risolvibile, e un’altra, se non di disfacimento quasi.

    Una condizione che rimette seriamente in discussione tutta l’operazione Sarri-Lazio e fa traballare il sarrismo inteso come filosofia di gioco, ma anche un po’ di vita. Il 4-4 con l’Udinese potrebbe dirci che siamo in presenza di una deriva zemaniana, se non fosse che appena domenica sera la Lazio di Sarri ne aveva presi 4 dal Napoli e basta, senza cioè mai sfiorare il gol. E dunque la decifrazione dei guai laziali non è di facile soluzione.

    Di certo Maurizio Sarri si è presentato stravolgendo i sei anni di lavoro di Simone Inzaghi. Nuova metodologia di gioco, nuovi schemi, nuova tattica, nuova valutazione dei giocatori (Luis Alberto chi?). Il nostro vuole tabula rasa, non ricostruisce da zero, ma ricondiziona il gioco e soprattutto le menti. Punto e a capo.

    Mica tutti fanno così, anzi. Inzaghi all’Inter non ha fatto lo stesso, ha semplicemente rimesso in moto la squadra martellata precedentemente da Conte, si è mosso sui suoi stessi binari. Per non dire, tornando alla Lazio e a Sarri, che le sconfitte sono ormai cinque su quindici e dunque la crisi non è affatto nascosta, ma conclamata e pronta a fare ancora danni. I bravi giocatori di cui la Lazio dispone – Reina, Acerbi, Milinkovic, Luis Alberto, Immobile … – girano a vuoto, e finito rapidamente l’entusiasmo per l’arrivo del guru, il tifoso biancoceleste ha ora dei gran rimpianti per i tempi di Simone Inzaghi. E da quando Lotito parla di allungare subito il contratto a Sarri sono più dolori che gioie.

    Il sarrismo non sfonda a Roma e poco consola che i dirimpettai della Roma non stiano affatto meglio con Mourinho. Di gioco e grandi battaglie ideologiche, come ai tempi del Napoli, non se ne vedono e anzi i nemici dell’ideologia sarrista fanno sempre notare come al Napoli si sia vinto qualcosa prima (Mazzarri e Benitez) o dopo (Gattuso), ma non mentre Maurizio Sarri cavalcava l’onda del tifo adorante. Questa è velenosa, lo so.

    Insomma se si vuole ribaltare e distruggere Sarri e il Sarrismo non ci vuole nulla, questo è il momento. E del resto nemmeno lì dove ha vinto (Chelsea e Juventus) il buon Maurizio è riuscito a difendersi dall’orda iconoclasta. Il problema è che nel sarrismo si ha fede o non si ha fede, i risultati sono relativi, solo un dettaglio. Questione di fede appunto.

    https://bocca.blogautore.repubblica....rivano-sconfi/
    Ducunt fata volentem, nolentem trahunt

  11. #65740
    Csar L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    99,462
    Like
    2,566
    Ringraziato 3,391 volte in 2,376 post

    Predefinito

    Mourinho sfida la 'sua' Inter, ma è in silenzio stampa

    LEGGO (F. BALZANI) - Silenzio stampa e tantissime assenze. È una vigilia bollente quella che precede Roma-Inter, la prima di Mourinho contro la squadra con la quale ha vinto il Triplete. Il portoghese oggi non parlerà in conferenza per concentrarsi sul match di domani, ma è evidente che l'ennesimo arbitraggio a sfavore pesa sulla scelta del tecnico intervenuto appena 30 secondi dopo il match col Bologna per lamentarsi del trattamento riservato a Zaniolo.

    Come dicevamo tante le assenze: Abraham e Karsdorp non ci saranno per squalifica e fa particolarmente rumore il bizzarro giallo sventolato da Pairetto all'inglese.

    Out anche Pellegrini, Felix e quasi sicuramente Villar oltre al solito Spinazzola. L'ultimo ad alzare bandiera bianca è stato ieri El Shaarawy che ha rimediato una lesione al polpaccio. Il Faraone resterà ai box fino a gennaio.

    Mourinho
    è costretto ad inventarsi la formazione e sta pensando a un ritorno al 4-2-3-1 con Ibanez terzino, Vina a sinistra e il trio Mkhitaryan, Zaniolo e Perez dietro a uno tra Shomurodov e Mayoral (pure lui in dubbio). Piena emergenza e nervi a fior di pelle nella sfida del cuore per Mou e per Dzeko che affronterà per la prima volta la Roma da avversario.

    https://laroma24.it/rubriche/la-penn...ilenzio-stampa
    Ducunt fata volentem, nolentem trahunt

  12. #65741
    Bodyweb Senior
    L'avatar di germanomosconi
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    pordenone
    Messaggi
    10,860
    Like
    955
    Ringraziato 313 volte in 254 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcu9 Visualizza Messaggio
    Numeri alla mano, considerando anche l'assurda longevità e continuità, passando per l'incredibile costanza su diverse competizioni e soprattutto squadre e campionati differenti (non è da tutti) , è probabilmente il miglior Goleador di sempre, se non il migliore di sempre davvero.
    Assieme a Messi direi proprio di sì (ha una quarantina di gol in meno ma è più giovane)
    Citazione Originariamente Scritto da Marco pl Visualizza Messaggio
    i 200 kg di massimale non siano così irraggiungibili in arco di tempo ragionevole per uno mediamente dotato.
    Citazione Originariamente Scritto da master wallace Visualizza Messaggio
    IO? Mai masturbato.
    Citazione Originariamente Scritto da master wallace Visualizza Messaggio
    Io sono drogato..

  13. #65742
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    29,169
    Like
    1,290
    Ringraziato 1,479 volte in 1,169 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da germanomosconi Visualizza Messaggio
    Assieme a Messi direi proprio di sì (ha una quarantina di gol in meno ma è più giovane)
    Assolutamente.
    Metto Cristiano un gradino sopra perché credo che segnare su più team e più campionati sia un valore aggiunto.
    Ronaldo è stato determinante ovunque.
    A Messi è piaciuta parecchio la comfort zone, peccato non si sia mai messo alla prova altrove.
    La Francia neanche la considero, anche se per assurdo (almeno ora) sta facendo male.

    Inviato dal mio SM-G988B utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da luna80 Visualizza Messaggio
    una rima la faccio anche io
    anche se mi viene da dire solo porc0 pio
    il rap non mi piace affatto
    ma piace a emme che ne va matto
    ora la smetto perchè non sono buona
    e torno a fare la brontolona
    saluti a tutti e tanti baci
    dico a tutti voi "tu mi piaci"

  14. I seguenti 2 utenti hanno messo Like a marcu9 per questo utile post :

    ANOLESO (03-12-2021), germanomosconi (03-12-2021)

  15. #65743
    Csar L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    99,462
    Like
    2,566
    Ringraziato 3,391 volte in 2,376 post

    Predefinito

    Infortuni in serie A, è allarme: Kjaer, Koulibaly, Osimhen. Perché sono in aumento e l’impatto sullo scudetto

    Il difensore del Milan teme di avere già finito la stagione e la società tornerà sul mercato, il Napoli è particolarmente colpito. Ma anche l’Atalanta ha fuori Gosens e all’Inter con lo Spezia mancavano 4 difensoriIl difensore del Milan teme di avere già finito la stagione e la società tornerà sul mercato, il Napoli è particolarmente colpito. Ma anche l’Atalanta ha fuori Gosens e all’Inter con lo Spezia mancavano 4 difensori

    Conteranno più i medici o gli allenatori? I fisioterapisti e i preparatori atletici o i centravanti? La lotta per lo scudetto seleziona le squadre di vertice — lassù ne sono rimaste quattro — ma purtroppo screma anche i calciatori che vi partecipano. È il campionato degli infortuni e il turno di metà settimana ha aggravato la situazione.

    Il Milan ha subito l’incidente più brutto, perché il capitano senza fascia Kjaer a Genova s’è procurato un danno serissimo ai legamenti crociato e collaterale del ginocchio sinistro e la sua stagione rischia di essere già finita (se ne saprà di più oggi dopo l’intervento in artroscopia che eseguirà a Milano il professor Pozzoni); il Napoli ha perso il fenomenale Koulibaly, il quale dovrà stare fermo almeno un mese, mentre si cercherà di rimettere in piedi Fabian Ruiz e Insigne per lo scontro diretto di domani con l’Atalanta. I campioni cadono come mosche, una partita dopo l’altra, un allenamento dopo l’altro; la corsa verso il titolo è quasi una lotta di sopravvivenza.

    L’infortunio di Kjaer crea grandi difficoltà al Milan, perché è un leader tattico e morale. Giovedì mattina il danese si è sottoposto agli accertamenti, ha temuto addirittura di perdere i Mondiali tra un anno. Ora i rossoneri saranno obbligati a tornare sul mercato, perché di difensori centrali ne restano solo tre: Tomori, Romagnoli e il giovane Gabbia (più l’adattato Kalulu). Un’assenza, quella di Kjaer, che si aggiunge alle tantissime altre che il Milan ha dovuto fronteggiare nella stagione, da Maignan a Ibra. Ancora adesso sono fuori Calabria, Rebic e Giroud.

    Ma la sfortuna — sempre che si tratti solo di sfortuna — è democratica. Incredibile ciò che è successo al Napoli: temeva di soffrire a gennaio la partenza per la Coppa d’Africa di Koulibaly, Anguissa e Osimhen, invece li ha persi tutti un mese prima. Contro il Sassuolo il difensore (nella scorsa stagione senza di lui gli azzurri hanno incassato due gol a partita) si è procurato una distrazione di secondo grado al bicipite femorale sinistro: rientrerà nel 2021, proprio quando dovrà andare in Nazionale. Fabian Ruiz ha una tendinopatia, Insigne una contrattura del soleo: la speranza di Spalletti è che almeno loro siano in campo sabato. L’Inter ha battuto lo Spezia senza quattro difensori: De Vrij (sulla via del recupero), Bastoni (al rientro a Roma), Ranocchia e Darmian. Quanto all’Atalanta, sembrava fosse sul punto di recuperare entrambe le sue devastanti ali, ma mentre Hateboer rimane in rampa di lancio, Gosens ha avuto una ricaduta in allenamento.

    Perché accade tutto questo? C’è chi sostiene che in Italia ci si alleni meno, o comunque peggio, rispetto ad altri Paesi, Inghilterra su tutti. C’è chi dà la colpa all’atteggiamento mentale dei calciatori, chi alle pessime condizioni di tanti campi. Ma l’imputato principale è il calendario, diventato ormai un continuum senza sosta tra campionati, coppe, Nazionali. Da un decennio si parla di ridurre la serie A a 18 o anche a 16 squadre però nessuno ha la forza di far passare la riforma; in aggiunta cresce il numero delle partite e addirittura delle competizioni (le ultime nate sono la Nations League e la Conference League).

    «Cosa aspetta l’Associazione calciatori a intervenire? Com’è possibile che minacci lo sciopero per una settimana in più di vacanza a Natale e non si preoccupi di questo?». Maurizio Sarri, contestatore abituale, ha lanciato il grido d’allarme tante volte e ci ha riprovato di recente, senza successo. Eppure la salute dei giocatori dovrebbe stare a cuore ai sindacati degli atleti. Invece, niente. E così si continua a giocare. E a farsi del male.


    CorSera
    Ducunt fata volentem, nolentem trahunt

  16. #65744
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di SimoneBW
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,324
    Like
    772
    Ringraziato 360 volte in 273 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sean Visualizza Messaggio
    Alla Lazio non c’è l’effetto Sarri e per ora il sarrismo ha fatto un buco nell’acqua. Dopo l’entusiasmo iniziale per il passaggio da Inzaghi al guru italiano del calcio spettacolo, arrivano sconfitte e delusione. Simone Inzaghi ha preso l’Inter senza stravolgerla, Sarri ha introdotto brutalmente la sua filosofia di gioco forse chiedendo troppo alla squadra. In questo momento tutto dice male a Sarri, ma nel sarrismo o si ha fede o non si ha fede.

    Lazio-Udinese 4-4
    Se la Lazio avesse vinto con l’Udinese, e fino a un minuto dalla fine della partita lo stava effettivamente facendo, sarebbe ora a braccetto con Juventus, Bologna e Fiorentina. Un gol e un paio di punti possono fare la differenza tra una situazione accettabile, non entusiasmante ma affrontabile e risolvibile, e un’altra, se non di disfacimento quasi.

    Una condizione che rimette seriamente in discussione tutta l’operazione Sarri-Lazio e fa traballare il sarrismo inteso come filosofia di gioco, ma anche un po’ di vita. Il 4-4 con l’Udinese potrebbe dirci che siamo in presenza di una deriva zemaniana, se non fosse che appena domenica sera la Lazio di Sarri ne aveva presi 4 dal Napoli e basta, senza cioè mai sfiorare il gol. E dunque la decifrazione dei guai laziali non è di facile soluzione.

    Di certo Maurizio Sarri si è presentato stravolgendo i sei anni di lavoro di Simone Inzaghi. Nuova metodologia di gioco, nuovi schemi, nuova tattica, nuova valutazione dei giocatori (Luis Alberto chi?). Il nostro vuole tabula rasa, non ricostruisce da zero, ma ricondiziona il gioco e soprattutto le menti. Punto e a capo.

    Mica tutti fanno così, anzi. Inzaghi all’Inter non ha fatto lo stesso, ha semplicemente rimesso in moto la squadra martellata precedentemente da Conte, si è mosso sui suoi stessi binari. Per non dire, tornando alla Lazio e a Sarri, che le sconfitte sono ormai cinque su quindici e dunque la crisi non è affatto nascosta, ma conclamata e pronta a fare ancora danni. I bravi giocatori di cui la Lazio dispone – Reina, Acerbi, Milinkovic, Luis Alberto, Immobile … – girano a vuoto, e finito rapidamente l’entusiasmo per l’arrivo del guru, il tifoso biancoceleste ha ora dei gran rimpianti per i tempi di Simone Inzaghi. E da quando Lotito parla di allungare subito il contratto a Sarri sono più dolori che gioie.

    Il sarrismo non sfonda a Roma e poco consola che i dirimpettai della Roma non stiano affatto meglio con Mourinho. Di gioco e grandi battaglie ideologiche, come ai tempi del Napoli, non se ne vedono e anzi i nemici dell’ideologia sarrista fanno sempre notare come al Napoli si sia vinto qualcosa prima (Mazzarri e Benitez) o dopo (Gattuso), ma non mentre Maurizio Sarri cavalcava l’onda del tifo adorante. Questa è velenosa, lo so.

    Insomma se si vuole ribaltare e distruggere Sarri e il Sarrismo non ci vuole nulla, questo è il momento. E del resto nemmeno lì dove ha vinto (Chelsea e Juventus) il buon Maurizio è riuscito a difendersi dall’orda iconoclasta. Il problema è che nel sarrismo si ha fede o non si ha fede, i risultati sono relativi, solo un dettaglio. Questione di fede appunto.

    https://bocca.blogautore.repubblica....rivano-sconfi/
    Tante chiacchiere ma devo capire perché neanche i giornalisti hanno il coraggio di dire le cose come stanno. La squadra è costruita male. Ha lacune importanti che nessun allenatore può colmare. A partire dal portiere. Tranne qualche tifoso con la sindrome del romanista, tutti sapevano che quest'anno sarebbe andata così. Il problema vero è che non c'è prospettiva per il futuro. Questo personalmente mi preoccupa.

    Inviato dal mio moto g 5G plus utilizzando Tapatalk

  17. #65745
    Csar L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    99,462
    Like
    2,566
    Ringraziato 3,391 volte in 2,376 post

    Predefinito

    Spalletti, Pioli, Inzaghi e Gasperini: lo scudetto della prima volta

    Nessuno dei quattro allenatori ha mai vinto. Vizi e virtù di Napoli, Milan, Inter e Atalanta, le pretendenti al titolo

    La lotta per il campionato

    Quattro allenatori per uno scudetto. Non è un film della Disney, ma la realtà, chiara e inequivocabile, della nostra serie A. Le prime tre sono divise da due punti. L’Atalanta, quarta, insegue ad appena 5 lunghezze dalla prima ma nelle ultime 4 giornate, un termometro sufficiente per stabilire la condizione delle protagoniste, ne ha recuperate 7 al Napoli primo, 8 al Milan secondo e 2 all’Inter terza. Tutto è aperto. E difficile da pronosticare perché raramente la lotta al vertice è stata così affollata e le iscritte alla corsa sono guidate da allenatori che lo scudetto, almeno in serie A, non lo hanno mai vinto. Spalletti, il più titolato, ne ha collezionati due in Russia con lo Zenit, oltre dieci anni fa. Pioli, che l’anno scorso ha vinto quello d’inverno, c’è riuscito a inizio carriera con gli Allievi del Bologna. Zero «tituli» per gli altri due, il più giovane del gruppetto (Inzaghi) e il più vecchio (Gasperini).

    Spalletti e la difesa

    Una battaglia inedita. Un motivo di interesse in più ora che si accende la corsa per lo scudetto di Natale, che coincide con quello d’inverno. Quattro giornate tutte di un fiato con anche un intermezzo europeo. Serviranno esperienza, attenzione, anche un briciolo di fortuna. E mantenere i nervi saldi. Spalletti la pazienza l’ha persa a Reggio Emilia e adesso dovrà seguire lo scontro diretto con l’Atalanta e la sfida con il suo Empoli dalla tribuna (anche se è pronto il ricorso). Il Napoli ha un organico ricco e un gioco meticoloso, ma non centra il bersaglio grosso dai tempi di Maradona. Sinora ha sbagliato solo a San Siro contro l’Inter e ha di gran lunga la miglior difesa. Allegri, toscanaccio come Spalletti, che di scudetti ne ha vinti 6, ricorda che per centrare l’obiettivo bisogna subire poco. Il Napoli c’è riuscito sino adesso, ma gli infortuni possono complicare il viaggio.

    Pioli votato all’attacco

    Il Milan ha appena superato il momento critico, che prima o poi capita a tutti e può sfruttare il calendario, con Salernitana e Udinese (in trasferta), per presentarsi nelle migliori condizioni alla sfida del 19 dicembre a San Siro contro il Napoli. Pioli è stato un bel difensore, ma il suo Diavolo è votato all’attacco. Il gruppo ha saputo metabolizzare le partenze di Donnarumma e Calhanoglu e, guidato da Ibrahimovic, a segno nelle ultime 4 trasferte, sembra aver maturato una nuova consapevolezza. Anche l’allenatore è cresciuto. L’esperienza terribile di Astori ai tempi della Fiorentina anziché distruggerlo lo ha fortificato e se possibile migliorato.

    Inzaghi col favore del calendario

    L’Inter è molto forte anche senza Conte, senza il totem Lukaku e senza la freccia Hakimi. Chi pensava che una volta centrato il traguardo i nerazzurri sbracassero, nascondendosi dietro l’alibi della crisi societaria, si sbagliava. Il merito è di Inzaghi, che ha portato entusiasmo e un nuovo calcio, più offensivo, in cui si stanno ritagliando uno spazio importante Calhanoglu e Dzeko. Anche una nuova sfida raccolta da discepoli entusiasti. L’Inter ha il miglior attacco del campionato, il morale alle stelle e un calendario favorevole: occhio solo alla trappola Mourinho, l’uomo del Triplete e dei dolci ricordi.

    Il tabù di Gasperini

    Non parlate di scudetto a Gasperini, che in bacheca non ha niente ma ha vinto due volte la Panchina d’Oro (una anche Spalletti per restare ai quattro protagonisti) e ha trovato un feeling perfetto con l’Atalanta, la più europea e spregiudicata delle nostre squadre. Difesa a tre, spinta sulle fasce, duelli rusticani in ogni zona del campo e una squadra che lo segue devota e che affronta ogni partita con il cuore leggero, come fosse l’ultima. Ha ragione Guardiola: incontrare l’Atalanta è come andare dal dentista. Però bisognerà misurarla se e quando lo scudetto diventerà un obiettivo concreto e la pressione si moltiplicherà. Quella sarà l’ultima sfida dei nerazzurri di Bergamo: la più stimolante e la più difficile.


    CorSera
    Ducunt fata volentem, nolentem trahunt

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •