Banner grande 5 (Testobol)
Pagina 2774 di 2774 PrimaPrima ... 177422742674272427642771277227732774
Risultati da 41,596 a 41,608 di 41608

Discussione: Attenzione: Calcio Inside! Parte III

  1. #41596
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di laplace
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    7,252
    Like
    1
    Ringraziato 78 volte in 61 post

    Predefinito


    Contenuto primo messaggio - One Chance
    Citazione Originariamente Scritto da sylvester Visualizza Messaggio
    La Juve rimane la favorita...
    Lo abbiamo sempre detto.
    Mi sfugge in base a quale criterio

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #41597
    Bodyweb Senior
    L'avatar di marcu9
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Palermo
    Messaggi
    18,089
    Like
    814
    Ringraziato 491 volte in 395 post

    Predefinito

    Grande Mandzukic comunque...stima.
    Lo sapevo che sarebbe stato pronto, soprattutto mentalmente.
    Dove giocare.


    Inviato dal mio SM-G988B utilizzando Tapatalk


  4. #41598
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Inutile indagare ora nella sfera di cristallo. A primavera si capirà qualcosa di più. Ad oggi c'è un mazzo di candidate più o meno credibili, tutte con pregi e tutte con difetti.


    Per Speculum In Aenigmate

  5. #41599
    Bodyweb Senior
    L'avatar di Venkman85
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    Liguria
    Messaggi
    3,506
    Like
    163
    Ringraziato 398 volte in 350 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da laplace Visualizza Messaggio
    Mi sfugge in base a quale criterio
    Il criterio del gufaggio

    Inviato dal mio Redmi Note 8T utilizzando Tapatalk

  6. #41600
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di Nasser95
    Data Registrazione
    May 2013
    Messaggi
    1,383
    Like
    23
    Ringraziato 19 volte in 15 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da laplace Visualizza Messaggio
    Mi sfugge in base a quale criterio
    saluti.
    (ride)

  7. #41601
    Bodyweb Senior
    L'avatar di sylvester
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    4,469
    Like
    115
    Ringraziato 138 volte in 121 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da laplace Visualizza Messaggio
    Mi sfugge in base a quale criterio

    Per lo stesso criterio degli ultimi 9 anni....









    "Pensare alla morte, pregare. C'è pure chi ha ancora questo bisogno, e se ne fanno voce le campane.
    Io non l'ho più questo bisogno, perché muoio ogni attimo, io, e rinasco nuovo e senza ricordi:
    vivo e intero, non più in me, ma in ogni cosa fuori".

    (L. Pirandello)

  8. #41602
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Il Milan crolla in casa contro l’Atalanta, è campione d’inverno ma la squadra di Gasperini con i gol di Romero, Ilicic e Zapata entra ufficialmente nella lotta scudetto. Dopo il ko con la Juve il Milan scopre di avere un tallone d’Achille, non può risolvere tutto con Ibrahimovic. E nemmeno Mandzukic… Gasperini comunque non ci casca: “La parola scudetto non me la farete pronunciare”

    L’Inter pareggia a Udine 0-0 e perde un’altra occasione per agganciare il Milan in testa alla classifica. Grande nervosismo con Conte e Oriali che si fanno espellere: i nerazzurri hanno spesso un rimorso che li accompagna. E dalla società i segnali sono chiari: sul mercato si può contare.

    – La Roma stavolta batte lo Spezia, ma è sempre un batticuore e comunque incassa ancora troppi gol. Fonseca si abbraccia ai giocatori dopo tensioni, veleni, l’umiliazione di Coppa Italia, e lo scontro con Dzeko finito in tribuna.

    Il tallone d’Achille del Milan e l’Atalanta da scudetto
    I tre gol dell’Atalanta al Milan vogliono dire tanto. Vogliono dire che il Milan ha un tallone scoperto, che è vulnerabile, che non tutto si può risolvere con i gol di Ibrahimovic. Né che Mandzukic oggi sia un moltiplicatore certo e sicuro della sua potenza d’attacco. Il Milan ha ceduto pesantemente a San Siro contro la Juventus prima e contro la squadra di Gasperini poi. Un Milan irriconoscibile rispetto a come ci aveva abituato.

    Ma soprattutto quei gol di Romero, Ilicic e Zapata significano che se riteniamo il Milan campione d’inverno squadra che di diritto lotta per lo scudetto, non possiamo non dare queste stesse possibilità anche all’ Atalanta. Che quando vuole, quando è in palla, quando fa girare i suoi campioni è irresistibile e pratica il miglior calcio d’Italia.

    Ilicic, Zapata e Muriel possono benissimo tener testa agli attacchi delle superstar del Milan appunto, dell’ Inter e della Juve, competere con loro, erodere piano piano quel vantaggio che le altre si sono scavate mentre l’ Atalanta era impegnata in Champions League e a risolvere una lacerante guerra interna dovuta al caso Gomez, ormai completamente assorbito. E’ Ilicic il nuovo faro, il trascinatore del gruppo, il leader. In un sol colpo l’ Atalanta ha recuperato tre punti sul Milan e due sull’ Inter e acceso un nuovo riflettore sull’intera lotta scudetto. Anche se Gasperini non è certo uno così pollo da cascarci: “Se volete mettermi in bocca la parola scudetto non ci riuscite”.


    Le occasioni perdute dell’Inter e i nervi di Conte
    Il pareggio dell’ Inter a Udine si porta dietro un solo striminzito punto e un discreto carico di veleni viste le tensioni finali e le espulsioni di Conte e Oriali. Che hanno sfogato contro l’ arbitro Maresca il nervosismo per il deludente 0-0, chiedendo ancora più recupero del tempo. Fino a prendersi il cartellino rosso e scatenare il parapiglia post partita. L’ Inter ha sempre qualcosa di incompiuto, un rimorso o un rimpianto costante. Lukaku, Lautaro e Hakimi stavolta lasciano immacolata la porta dell’ Udinese, possono prendersela in parte anche con le prodezze di Musso, ma comunque è un’ Inter che, pur vantando un grandissimo organico, fatica a uscire dal gruppo e a staccarsi dalle altre. Tra l’altro a ogni occasione Marotta e la società ripetono che il momento è particolare, che le ristrettezze sono un fatto preciso con cui dover fare i conti, che di mercato e di rinforzi non se ne parla. Anche se il Milan, diretto concorrente, invece non si è tirato indietro da questo punto di vista.


    La telenovela Roma: il brivido Spezia, Fonseca in bilico e il ribelle Dzeko in tribuna
    La Roma stavolta batte lo Spezia e riesce a finire la partita senza farsi umiliare e combinare clamorosi pasticci regolamentari che le costino la sconfitta a tavolino. Contava il risultato e va bene, ma per superare lo Spezia la Roma ha avuto bisogno di quattro gol con una doppietta di Borja Mayoral, entrato al posto del ribelle Dzeko finito in tribuna dopo un paio di giorni di altissima tensione con Fonseca. La precedente doppia sconfitta con lo Spezia, sul campo e a tavolino per via della famigerata sesta sostituzione in Coppa Italia, ha lasciato pesantissimi strascichi polemici e una crepa profonda tra società e tecnico da una parte e la squadra dall’altra. Tanto da far parlare insistentemente di Fonseca al conto alla rovescia col solito vertiginoso totoallenatore: Allegri, Sarri, Mazzarri, Spalletti ter, De Rossi… Nel frattempo ne ha fatto le spese Dzeko, oppositore e contestatore del tecnico, che è finito in tribuna. La vittoria porta a una tregua, ma non chiude il caso.

    https://bocca.blogautore.repubblica....-e-lo-scontro/


    Per Speculum In Aenigmate

  9. #41603
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    GIORNATA N. 19
    Venerdì 22 gennaio 2021

    Benevento-Torino 2-2
    (31′ Viola rig. B, 49′ Lapadula B, 51′ Zaza T, 90’+3′ Zaza T)

    Sabato 23 gennaio 2021
    Roma-Spezia 4-3
    (17′ Mayoral R, 52′ Mayoral R, 24′ Piccoli S, 55′ Karsdorp R, 59′ Farias S, 90′ Verde S, 90’+2′ Pellegrini R)

    Milan-Atalanta 0-3
    (26′ Romero A, 53′ Ilicic rig A, 77′ Zapata A)

    Udinese-Inter 0-0

    Fiorentina-Crotone 2-1

    (20′ Bonaventura F, 32′ Vlahovic F, 66′ Simy C)

    Domenica 24 gennaio 2021
    Juventus – Bologna 12.30
    Genoa – Cagliari 15.00
    Verona – Napoli 15.00
    Lazio – Sassuolo 18.00
    Parma – Sampdoria 20.45


    Per Speculum In Aenigmate

  10. #41604
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Se l'Atalanta fosse anche continua... Milan 'appesantito' dal mercato

    Atalanta meravigliosa, ma anche il Milan si uniforma al tema del campionato perdendo continuità. Quando gioca bene, la squadra di Gasperini è la migliore del campionato: spettacolare ed anche pratica, convinente, soffre poco. Ha le caratteristiche della grandissima. Uomo contro uomo ha dimostrato di essere più forte del Milan, negli anni infatti è cresciuta molto anche nei singoli. Certo, il gruppo nella sua compattezza non si discute, ma ora quelli dell'Atalanta sono giocatori che anche in un'altra grande possono avere lo stesso rendimento. Insomma, chi compra a Bergamo compra bene.

    Sul Milan faccio qualche considerazione. Pensavo e penso che l'assenza di pubblico favorisca le squadre giovani, teoricamente intimorite dalle grandi platee. I rossoneri ne hanno beneficiato, però nelle ultime gare sono calati e penso che il mercato di livello fatto dalla società a gennaio c'entri qualcosa. Ha infatti accresciuto il gruppo di responsabilità, perché - e qui sta la difficoltà di diventare grandi- ora c'è da sopportare la responsabilità di dover vincere.

    Male l'Inter, che non approfitta del passo falso del Milan pareggiando a Udine. La squadra di Conte non sempre riesce a confermare di essere l'organico più forte: lo ha fatto con la Juve, non si è è ripetuta però. E non è la prima volta che capita. Vittoria col brivido della Roma, che però è diventata labile: è un buon gruppo di giocatori, ma tra il caso Dzeko e le sostituzioni sbagliate in Coppa Italia mi sembra una squadra fuori controllo.

    Insomma, in testa c'è una grande ammucchiata e può diventare il più avvincente campionato degli ultimi anni. Sicuramente quello con il pronostico più complicato.

    https://www.repubblica.it/rubriche/v...uro-283953224/


    Per Speculum In Aenigmate

  11. #41605
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Inter, Conte all’arbitro Maresca: «Sei sempre tu!». «Bisogna accettare il risultato anche se non si vince»

    Il tecnico nerazzurro attacca il direttore di gara per lo scarso recupero contro l’Udinese: «Anche alla Var sei sempre tu!», riferendosi al 2-2 con il Parma. Litiga anche Oriali

    «Sei sempre tu Maresca, sempre tu!» urla Antonio Conte, furioso. Nel finale della partita pareggiata 0-0 dall’Inter contro l’Udinese il tecnico è stato espulso dopo un acceso confronto con l’arbitro Fabio Maresca. Ma non è finita qui. Al triplice fischio cartellino rosso anche per il team manager Oriali, poi nel tunnel che porta agli spogliatoi nuovo acceso diverbio con protagonisti ancora Conte e lo staff tecnico nerazzurro contro Maresca che, secondo quanto riferito da Sky Sport, avrebbe risposto: «Bisogna saper accettare il risultato anche quando non si vince!».

    Conte si innervosisce già nel primo tempo. Arslan, centrocampista dell’Udinese, al 10’ viene ammonito, poi dopo poco commette un fallo da dietro su Lukaku, rischiando il secondo giallo e conseguente espulsione. Ma l’arbitro decide di non intervenire, e al 33’ Gotti lo richiama in panchina per paura di restare in 10: «Arslan stava facendo molto bene, ma aveva già rischiato il rosso e non volevo subire una doppia ammonizione troppo presto», ha spiegato il tecnico dell’Udinese a fine gara.


    Quando al 90’, arriva la comunicazione sul tempo di recupero concesso, 4 minuti, Conte non si trattiene più e protesta: «Quattro minuti?», dice l’allenatore, sbracciando platealmente. L’arbitro allora si avvicina e lo ammonisce. A quel punto Conte esplode: «Bravo, bravo! Sei sempre tu Maresca eh. Sei sempre tu Maresca. Anche alla Var, sei sempre tu. Bravo Maresca» urla furioso l’allenatore dell’Inter. Così il direttore di gara torna sui suoi passi ed estrae il cartellino rosso.

    A fine partita, come detto, le proteste sono continuate. Espulso anche Oriali, poi nel tunnel Conte ha ancora criticato Maresca, che avrebbe così replicato: «Bisogna saper accettare il risultato anche quando non si vince!». «Ho protestato perché l’arbitro ha concesso quattro minuti di recupero. Mi è sembrato troppo poco per quanto si è giocato nel secondo tempo — ha invece spiegato Conte, con toni decisamente più pacati, ai microfoni di Sky —. Si sono persi tanti minuti, un paio di volte giocatori dell’Udinese si sono accasciati a terra e si è perso altro tempo. Per questo quattro di recupero mi sono sembrati pochi. Comunque l’arbitro deve prendere le proprie decisioni e noi dobbiamo accettarle, anche se a volte non siamo d’accordo», ha concluso più rassegnato che arrabbiato.

    Ma a cosa si riferiva quando ha contestato Maresca urlando «Sei sempre tu, anche alla Var»? Con ogni probabilità ad un episodio avvenuto nella partita con il Parma, quando un fallo di Balogh su Perisic in area di rigore non era stato ritenuto falloso dall’arbitro Piccinini, non richiamato all’assistenza video proprio da Maresca, poi tenuto a riposo da Rizzoli per un turno.

    CorSera


    Per Speculum In Aenigmate

  12. #41606
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Milan-Atalanta, Sconcerti: i rossoneri troppo sperimentali, l’Inter non cambia passo. E la Juve è suggestione

    La squadra di Conte è sempre uguale a se stessa, non è mai cresciuta, mentre il Milan ha 18 punti in più. L’Atalanta è tornata: Ilicic in questo calcio vale Messi

    di Mario Sconcerti

    Milan e Inter chiudono con dimostrazioni opposte. Il Milan cade nella partita più normale per perdere porta cioè una squadra sperimentale contro quella più organizzata in campionato. Erano piccoli artifici già riusciti in precedenza, ma non erano mai stati spinti così a fondo, con debuttanti e invenzioni di ruoli. C’è stato il segno di un limite, il calcio è un’invenzione ma non un’allegria di idee, tutto deve avere un senso e un’esperienza. Sono cose che il Milan sa, altrimenti non avrebbe, da primo in classifica, acquistato più di tutti sul mercato. Se prendi è perché non hai. Sabato è stato quel festival.

    Le conseguenze saranno misurabili quando la squadra tornerà quella titolare, penso soprattutto ai rientri di Bennacer e Calhanoglu. La squadra ha cercato di essere comunque il Milan anche con un’anima inventata, non si è chiusa, è stata anzi travolta in contropiede. Forse questa è la lezione. Ci sono partite in cui occorre deludere e fermarsi con intelligenza davanti a un avversario quel giorno più forte. Gestire la propria dipendenza è la parte più vera della forza.

    Opposta è l’Inter. Nei tre mezzi campionati di Conte ha fatto una media tonda di 41 punti. Quello vale. Non è mai cresciuta, non ha mai cambiato passo. Non promette più niente. È quello che è, resta solo da vedere se basta. A Udine ha fatto la classica partita da Inter: molti cross, molti inserimenti sbagliati degli attaccanti su quell’ultimo passaggio. Un gioco antico, direi classico, molto riconoscibile. Questa è la differenza con il Milan. Una è sempre uguale a se stessa, l’altro è cresciuto di 18 punti e resta una variabile. A questo punto dipende anche dagli avversari. Non c’erano più fino a ieri, oggi sono tornati. La forza dell’Inter è che ha una base di punti assicurata. Quella del Milan è che non è chiaro quanto possa dare nell’insistenza delle gare. Ha già dato tanto ma può fare anche qualcosa in più.

    Nel frattempo è cresciuta tanto l’Atalanta, Ilicic, in questo inverno del calcio, ha l’effetto di Messi. Pessina è da Nazionale e non c’è dubbio che Mancini lo chiamerà. Se il calcio è completezza l’Atalanta è dentro quello spazio. La Juve è più una suggestione che una realtà profonda. Non mi sembra Pirlo il problema. C’è grande tecnica ma anche confusione di ruoli e di gestione. La forza si disperde. Vorrei però rivedere il Milan al completo, quella sua grazia nel gioco, quella fratellanza che non dura negli anni ma può dare abbastanza per vincere una volta. Direi che siamo pronti a ricominciare da capo.

    CorSera


    Per Speculum In Aenigmate

  13. #41607
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    Un campionato anomalo dove non s'è ancora rivelata la squadra capace di imprimere il marchio a fuoco sulla pretesa della vittoria finale. Abbiamo tante presunzioni di possibilità ma ancora nessuna chiarezza: questo rende difficile indovinare cosa accadrà e risulta così decisivo il girone di ritorno dove ogni partita peserà tantissimo.

    Si è infatti nella foschia sia per quanto riguarda il titolo e sia per quello che concerne le qualificazioni in champions: la classifica invece di sgranarsi si accorcia.

    Le squadre in lizza per le prime 4 posizioni (Milan, Inter, Roma, Atalanta, Juve, Napoli e Lazio) hanno tutte dei punti di forza ma altri di deboleza. Hanno dei pregi ma anche dei difetti: viene da dire che riuscirà chi delle tante saprà ridurre, o mascherare meglio, i difetti e aumentare i pregi.

    Per intanto occasione d'oro per la Juventus di poter riprendere quanto perso una settima fa a Milano: col Bologna un mezzogiorno e mezzo di fuoco dove sarà vietato sbagliare.


    Per Speculum In Aenigmate

  14. #41608
    Csar
    L'avatar di Sean
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    In piedi tra le rovine
    Messaggi
    89,708
    Like
    1,435
    Ringraziato 2,120 volte in 1,564 post

    Predefinito

    De Ligt negativo al covid. Ha raggiunto il ritiro della squadra ed è nell'elenco dei convocati.


    Per Speculum In Aenigmate

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •