Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Facebook batte moneta, Google fa le case: ormai le multinazionali sono i nuovi Stati

  1. #1
    Gwynbleidd
    L'avatar di Alecs
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    1,054
    Grazie
    26
    Ringraziato 32 volte in 25 post

    Predefinito Facebook batte moneta, Google fa le case: ormai le multinazionali sono i nuovi Stati

    Facebook batte moneta, Google fa le case: ormai le multinazionali sono i nuovi Stati (con tanti saluti alla democrazia)


    Facebook lancia la valuta Libra, Google un piano di edilizia popolare: in questo contesto, sembra lecito immaginare un futuro in cui un pugno di grandi multinazionali governano il mondo. Ma non deve essere necessariamente così

    “Non esiste l'America, non esiste la democrazia! Esistono solo IBM, ITT, AT&T, Dupont, DOW, Union Carbide ed Exxon. Sono queste le nazioni del mondo, oggi… Non viviamo più in un mondo di nazioni e di ideologie, signor Beale: il mondo è un insieme di corporazioni, inesorabilmente regolato dalle immutabili, spietate leggi del business.”

    Il famoso monologo di Arthur Jensen nel film “Quinto potere” riporta a uno degli scenari preferiti dalla fantascienza, divenuto oramai parte dell’immaginario collettivo da Metropolis a Blade Runner: quello di gigantesche corporazioni planetarie che acquisiscono un potere tale da rivaleggiare in legittimità e ambizione quello dei governi nazionali. Due annunci recenti sembrano ora indicare che uno sviluppo di questo tipo è sempre meno fantastico e sempre più reale.

    Facebook ha comunicato che dal 2020 introdurrà una propria moneta, Libra, che gli oltre due miliardi di “cittadini” (o utenti) della piattaforma, e molti altri, potranno utilizzare per acquistare, vendere o scambiare beni e servizi. La scollatura fra moneta e democrazia è qualcosa di già presente nel mondo “reale”, almeno a partire dalla generalizzazione dell’indipendenza – parziale – delle banche centrali dal potere politico. Conosciamo tutti, poi, lo strapotere dei flussi finanziari globali, capaci di piegare gli stati sovrani più diversi, dalle tigri asiatiche alla Grecia.

    Ci troviamo ora, però, dinnanzi a un passo successivo: una corporazione fra le più grandi ed influenti del mondo è pronta a battere moneta. E chi prenderà le decisioni su quella che potrebbe velocemente divenire una nuova valuta mondiale? Il Consiglio di amministrazione? Il Ceo? È questo d’altronde uno dei problemi principali di ogni criptovaluta: il pensiero, errato, che la politica monetaria sia un gesto neutrale. E non, invece, uno degli strumenti principali per ripartire ricchezza e povertà.

    Contestualmente all’iniziativa di Facebook, Google ha annunciato un piano di investimento in edilizia popolare da un miliardo di dollari nell’area di San Francisco – una cifra paragonabile a quanto programmato in politica abitativa nel bilancio 2019-2020 dell’intera California, uno stato con un Pil superiore a quello italiano. Non si tratta, banalmente, di un campus o di abitazioni per i propri dipendenti, ma di un vero e proprio intervento in pianificazione urbana atto ad affrontare la mancanza cronica di alloggi a buon mercato in un contesto in cui gli stati appaiono sempre meno capaci di garantire il diritto all’abitare.

    In entrambi i casi queste nuove “competenze” vanno ad aggiungersi a un vasto arsenale di controllo e indirizzo di cui le due compagnie già dispongono, rendendo lecito immaginare un futuro in cui un pugno di grandi multinazionali possano governare un ecosistema finanziario e comunicativo mondiale. Già oggi dispongono della proprietà dei dati di miliardi di individui: una capacità di conoscere ciascuno di noi, dalla nostra condizione finanziaria alla nostra stabilità psicologica, nonché di indirizzare il nostro pensiero e le nostre azioni, che nessuno stato nazionale è in grado di equiparare.

    E proprio qui sta il punto: operazioni di questo tipo vanno a completare un vero e proprio “potere” mondiale con spiccate caratteristiche statuali. È forse lecito parlare della nascita delle prime vere e proprie “nazioni planetarie”? Quasi-stati mondiali e digitali con competenze senz’altro più limitate delle nazioni territoriali ma capaci di abbracciare l’intero pianeta con la loro azione. Quasi-stati che spesso riescono a piegare le vecchie nazioni ai propri desiderata, come tragicamente evidente nel sistema dei paradisi fiscali che permette una gigantesca evasione legalizzata per pochi.

    Ciò che un tempo si chiamava sovranità oggi deflagra, si ripartisce a scala planetaria e viene rimescolato in un inedito mosaico di competenze e spazi di controllo intrecciati – alcuni pubblici e alcuni privati. Quel sentimento di “perdita di controllo” che si trova alla base di gran parte dell’insorgenza nazionalista del nostro tempo pare così destinato ad acuirsi, e così la crisi della democrazia. Come l’annuncio di Libra pare completare la separazione fra politica democratica e moneta, il dispiegarsi di nuovi poteri planetari scollegati dagli stati territoriali sembra prefigurare un futuro in cui sempre più il cambiamento del mondo verrà deciso e guidato al di fuori di ogni partecipazione democratica.

    È questa la scommessa che abbiamo di fronte: riuscire a sviluppare una nuova politica planetaria capace di riconquistare alla democrazia le grandi scelte del futuro. Ed è qualcosa che si può fare. Quando l’Unione europea ha deciso di sanzionare google, o di imporre uno standard di privacy minimo come il GDPR, l’Unione ha vinto sui quasi-stati planetari. Oltre lo sterile dibattito nostrano sul sovranismo, è forse di questo che dovremmo parlare: come aggiornare la nostra politica democratica ad un mondo già divenuto patria comune.

    https://www.linkiesta.it/it/article/...mRqovt_rnIoWQY

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     

  3. #2
    Bodyweb Advanced
    Data Registrazione
    Feb 2019
    Messaggi
    1,039
    Grazie
    3
    Ringraziato 4 volte in 4 post

    Predefinito

    Anche Likiesta è sprofondanta. Peccato.

  4. #3
    Bodyweb Senior L'avatar di ekans
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1,275
    Grazie
    21
    Ringraziato 7 volte in 7 post

    Predefinito

    Tralasciando il tema di fondo dell'articolo sul quale su può essere o meno d'accordo, queste multinazionali hanno accumulato troppo potere ed andrebbero divise o comunque fortemente regolamentate con multe (ancora più salate di quelle che già gli sono state inflitte diverse volte) e divieti.

    Quando controlli la totalità dell'informazione quello che scegli di censurare o di non far comparire semplicemente non esiste più, ti sostituisci ai libri di storia.

    Inutile dire che google è pesantemente schierata con la sinistra, può modificare i propri algoritmi in modo da far comparire giornali di sinistra tra i primi risultati, stessa cosa con youtube che ha un'influenza enorme.

    Si dovrebbe iniziare prima con una multa da 10 miliardi di dollari per poi istituire un codice etico obbligatorio. Alla prima violazione chiusura di ogni attività dell'azienda e/o scissione in più aziende concorrenti similmente a come si è già fatto in passato.

  5. #4
    Gwynbleidd
    L'avatar di Alecs
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    1,054
    Grazie
    26
    Ringraziato 32 volte in 25 post

    Predefinito

    Andrebbero assolutamente regolamentate, ora come ora sono più potenti dei singoli Stati, se addirittura FB si permette di emettere una moneta cosa che gli stati all'interno dell'eurozona ne hanno perso la sovranità e devono chiedere prestito ad una banca centrale sovranazionale. Google è sinistroide così come tutto l'establishment oggi dell'entertainment, e possono facilmente creare vincoli contro fonti a loro avverse a livello politico e ideologico, e lo stesso possono fare con Youtube.

  6. #5
    Bodyweb Senior L'avatar di ekans
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1,275
    Grazie
    21
    Ringraziato 7 volte in 7 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alecs Visualizza Messaggio
    Andrebbero assolutamente regolamentate, ora come ora sono più potenti dei singoli Stati, se addirittura FB si permette di emettere una moneta cosa che gli stati all'interno dell'eurozona ne hanno perso la sovranità e devono chiedere prestito ad una banca centrale sovranazionale. Google è sinistroide così come tutto l'establishment oggi dell'entertainment, e possono facilmente creare vincoli contro fonti a loro avverse a livello politico e ideologico, e lo stesso possono fare con Youtube.
    In questo discorso si vanno ad inserire anche i mass media e soprattutto i giornali, un buon 90% schierati a sinistra. Aggiungici anche le università che fanno, sopratutto in america, una propaganda oscena.

    Servono leggi, norme, ma soprattutto bastonate sui dorsi delle mani in caso di violazioni etiche.

  7. #6
    Bodyweb Advanced
    Data Registrazione
    Feb 2019
    Messaggi
    1,039
    Grazie
    3
    Ringraziato 4 volte in 4 post

    Predefinito

    Non parlerei di emissione di moneta.
    Facebook fa parte di un consorzio di blockchain (sia come FB che come Calibra) a cui hanno aderito per ora circa 27 partner principali (tipo VISA, Mastercard, Paybal, Booking, Uber, Spotify, etc) più un'altra settantina di minori con ruoli da definire che hanno necessità di svincolarsi dal sistema bancario tradizionale.
    Sembra sarà un prodotto basato su un paniere di valute e commodities ( tipo gli SDRs del IMF) quindi di fatto avendo in contropartita riserve depositate per il totale delle unità di criptovaluta convertite. Insomma più un mezzo di pagamento molto avanzato che una nuova valuta o un prodotto molto volatile tipo bitcoin.

    Per il resto non si sa granché.

    la cina ha già un sistema di pagamento dentro wechat e funziona discretamente

    Con la smaterializzazione della moneta e la connessione in ogni parte del mondo, il ruolo degli intermediari finanziari e delle banche centrali è sempre meno cruciale. Questo momento era annunciato e prima o poi si uscirà dal sistema valutario corrente e anche la triade valuta-bilancia commerciale-fiscalità probabilmente si evolverà a livello sovranazionale. si supereranno le banche e si raggiungeranno quei quasi 2 miliardi di persone che ancora non hanno accesso ai servizi bancari.

    Sicuramente lasciare al privato la possibilità di fare egemonia su così tanti flussi informativi e di gestire il patrimonio dati che probabilmente sarà il più grande mai creato, è qualcosa che presenta rischi. Poi oggi gli Stati sono deboli, pieni di funzionari con un digital divide incolmabile e corrono dietro tematiche spicciole, quindi ci troveremo dentro questo sistema senza che nessuno nei ministeri ci abbia capito qualcosa. Oppure il sistema bancario reagirà, capendo sia ora di cambiare. Staremo a vedere.

  8. #7
    Bodyweb Senior

    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    5,402
    Grazie
    2
    Ringraziato 3 volte in 3 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alecs Visualizza Messaggio
    Andrebbero assolutamente regolamentate, ora come ora sono più potenti dei singoli Stati, se addirittura FB si permette di emettere una moneta cosa che gli stati all'interno dell'eurozona ne hanno perso la sovranità e devono chiedere prestito ad una banca centrale sovranazionale. Google è sinistroide così come tutto l'establishment oggi dell'entertainment, e possono facilmente creare vincoli contro fonti a loro avverse a livello politico e ideologico, e lo stesso possono fare con Youtube.
    Non sono piu' potenti degli Stati piu' potenti ed alla fine conta solo questo. Sono strumenti di politica estera imperiale (Americana, Cinese, anche Russa).

    Non dimentichiamoci che l' inchiostro su cui sono scritte le pagine degli ultimi 200 anni di storia di chiama Petrolio, e compagnie petrolifere come la Exxon hanno sempre avuto un PIL grosso come una decina di Stati Africani messi insieme

  9. #8
    Gwynbleidd
    L'avatar di Alecs
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    1,054
    Grazie
    26
    Ringraziato 32 volte in 25 post

    Predefinito

    Ma il rischio che pare apparire all'orizzonte è che il potere delle multinazionali sta non solo crescendo sempre più esponenzialmente ma anche che non ci sono meccanismi che le controllano, risultando un super potere non moderato da nessuno.

Discussioni Simili

  1. secondo voi ci sono stati dei miglioramenti??
    Di manupiccolo nel forum Photo Gallery
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12-02-2013, 12:18:42
  2. secondo voi ci sono stati dei miglioramenti??
    Di manupiccolo nel forum CAFFETTERIA
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-02-2013, 11:56:48
  3. Nuovi prodotti by Google
    Di Sartorio nel forum Super-Digital-Forum
    Risposte: 94
    Ultimo Messaggio: 27-11-2012, 23:07:13
  4. Per quelli che sono stati lasciati
    Di spaccotutto nel forum CAFFETTERIA
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 14-07-2002, 15:59:21

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •