+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Ma sta caffeina è vasocostrittrice o vasodilatatrice??

  1. #1
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di jonny@NY
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    1,254
    Grazie
    118
    Ringraziato 22 volte in 20 post

    Predefinito Ma sta caffeina è vasocostrittrice o vasodilatatrice??

    Trovo sempre informazioni e pareri contrastanti per quanto riguarda sta cosa.. Io sapevo fosse vasocostrittrice.... C'è qualcuno che sa qualcosa? Magari con un bel link su qualche studio?

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many

     

  3. #2

  4. #3
    Addicted
    L'avatar di spot86
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Pisa
    Messaggi
    12,566
    Grazie
    25
    Ringraziato 169 volte in 110 post

    Predefinito

    chi è che dice che ha azione vasodilatante?
    non è cmq un'azione diretta: stimola il SNS i cui ormoni hanno azione vasocotringente.
    Dott. Vincenzo Tortora
    vivereinformamailfacebook

  5. #4
    seccherrimo L'avatar di jeiko
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cassino (FR)
    Messaggi
    5,043
    Grazie
    2
    Ringraziato 15 volte in 15 post

    Predefinito

    vince a mio padre hanno sconsigliato di assumere quantità eccessive di caffè.

    ho letto questo da wikipedia.
    La caffeina è metabolizzata nel fegato dal sistema enzimatico citocromo P450 ossidasi, dove viene convertita in tre dimetilxantine, ognuna delle quali ha un effetto diverso:
    La teobromina è un vasodilatatore che aumenta il flusso di ossigeno e di nutrienti al cervello ed ai muscoli
    Teobromina e teofillina stimolano la diuresi inducendo vasodilatazione nelle arteriole renali, fenomeno che comporta un'aumentata filtrazione glomerulare.

  6. #5
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di jonny@NY
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    1,254
    Grazie
    118
    Ringraziato 22 volte in 20 post

    Predefinito

    "La caffeina esercita un’azione vasodilatatrice nella maggior parte dei distretti vascolari periferici. Questo effetto contrasta con la sua azione vasocostrittrice prodotta dalla stimolazione dei centri vasomotori bulbari. La vasodilatazione è evidente soprattutto a livello coronarico, ove, tuttavia, appare largamente condizionata dall’accresciuta attività cardiaca indotta dalla caffeina: l’aumento del consumo di ossigeno da parte del miocardio determina, infatti, un aumento del flusso di sangue. La vasodilatazione è poi evidente anche a livello polmonare e, anche se non sempre documentabile, a livello renale.
    Solo a livello cerebrale la caffeina esercita un’azione vasocostrittrice che non è legata alla riduzione della PCO2 arteriosa, né all’azione stimolante sui centri vasocostrittori bulbari (è noto che i vasi cerebrali sono praticamente svincolati dai meccanismi di controllo neurogeno attivi sui restanti distretti vascolari periferici)".
    L'articolo che ha postato jeiko.

  7. #6
    seccherrimo L'avatar di jeiko
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cassino (FR)
    Messaggi
    5,043
    Grazie
    2
    Ringraziato 15 volte in 15 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jonny@NY Visualizza Messaggio
    "La caffeina esercita un’azione vasodilatatrice nella maggior parte dei distretti vascolari periferici. Questo effetto contrasta con la sua azione vasocostrittrice prodotta dalla stimolazione dei centri vasomotori bulbari. La vasodilatazione è evidente soprattutto a livello coronarico, ove, tuttavia, appare largamente condizionata dall’accresciuta attività cardiaca indotta dalla caffeina: l’aumento del consumo di ossigeno da parte del miocardio determina, infatti, un aumento del flusso di sangue. La vasodilatazione è poi evidente anche a livello polmonare e, anche se non sempre documentabile, a livello renale.
    Solo a livello cerebrale la caffeina esercita un’azione vasocostrittrice che non è legata alla riduzione della PCO2 arteriosa, né all’azione stimolante sui centri vasocostrittori bulbari (è noto che i vasi cerebrali sono praticamente svincolati dai meccanismi di controllo neurogeno attivi sui restanti distretti vascolari periferici)".
    L'articolo che ha postato jeiko.
    si l'ho postato perchè l'avevo letto in passato.
    però se vince dice che non è così...magari ha maggiori studi magari USA piu' approfonditi
    vince non è uno che scrive le cose a caso tutto qui.

  8. #7
    Bodyweb Senior L'avatar di Pedro17
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Parma
    Messaggi
    7,480
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Predefinito

    jeiko tuo padre è iperteso o cardiopatico?

  9. #8
    seccherrimo L'avatar di jeiko
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cassino (FR)
    Messaggi
    5,043
    Grazie
    2
    Ringraziato 15 volte in 15 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pedro17 Visualizza Messaggio
    jeiko tuo padre è iperteso o cardiopatico?
    no ha problemi di circolazione sanguigna nel polpaccio...non so bene la diagnosi perchè non la sa manco lui tra l'altro...in pratica dato che è diabetico sembra che una parte dei vasi all'interno del polpaccio sia andata quasi atrofizzata o distrutta, non passa sangue e niente,ma la fortuna di essere diabetico gli ha in pratica consentito di costruire delle difese in modo che possa tranquillamente camminare...non tranquillamente come una persona normale ma tranquillamente con fatica.
    il dottore gli sconsigliò di bere caffè perchè aveva una sostanza che era vasodilatatore...disse che qualcuno lo poteva bere ma non eccedere.
    poichè secondo me la teobromina è contenuta in pochissime quantità nel caffè...una due tazze al giorno non fanno danni che poi beve mezza tazza

  10. #9
    Bodyweb Senior L'avatar di Pedro17
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Parma
    Messaggi
    7,480
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jeiko Visualizza Messaggio
    no ha problemi di circolazione sanguigna nel polpaccio...non so bene la diagnosi perchè non la sa manco lui tra l'altro...in pratica dato che è diabetico sembra che una parte dei vasi all'interno del polpaccio sia andata quasi atrofizzata o distrutta, non passa sangue e niente,ma la fortuna di essere diabetico gli ha in pratica consentito di costruire delle difese in modo che possa tranquillamente camminare...non tranquillamente come una persona normale ma tranquillamente con fatica.
    il dottore gli sconsigliò di bere caffè perchè aveva una sostanza che era vasodilatatore...disse che qualcuno lo poteva bere ma non eccedere.
    poichè secondo me la teobromina è contenuta in pochissime quantità nel caffè...una due tazze al giorno non fanno danni che poi beve mezza tazza
    dai miei bassi studi di farmacognosia ti posso dire che la quantità è praticamente irrilevante x quello che ho studiato (<0,09% della composizione del caffè)

  11. #10
    seccherrimo L'avatar di jeiko
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Cassino (FR)
    Messaggi
    5,043
    Grazie
    2
    Ringraziato 15 volte in 15 post

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pedro17 Visualizza Messaggio
    dai miei bassi studi di farmacognosia ti posso dire che la quantità è praticamente irrilevante x quello che ho studiato (<0,09% della composizione del caffè)
    bhe si legge anche chiaramente da wikipedia cmq però uno studio da parte di uno studente di farma è sempre meglio
    infatti può essere vasodilatante ma in dosi generose.

  12. #11
    Addicted
    L'avatar di spot86
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Pisa
    Messaggi
    12,566
    Grazie
    25
    Ringraziato 169 volte in 110 post

    Predefinito

    allora allora c'è un po' di casino

    semplicemente la caffeina aumenta gil effetti degli ormoni del SNS, adrenalina e noradrenalina. oltre a questo si lega ai recettori per l'adenosina.

    per quanto riguarda il SNS
    questo come effetto netto ha quello della VASOCOSTRIZIONE

    (la teobromina e teofillina sono BRONCO dilatatori non VASO, infatti sono usati anche nella cura dell'asma)

    per quanto riguarda l'adenosina
    qui wiki ha fatto bordello...non c'è diuresi per vasodilatazione nei tubuli renali
    l'adenosina è un segnale per il tubulo a riassorbire Na+ e Cl- (sale) e quindi acqua. la caffeina si lega ai suoi recettori e inibisce questo processo...sale e acqua sono escreti.

    x quanto riguarda tuo padre jeiko, il medico ha detto o voluto dire che non andava bene per VASOCOSTRIZIONE...e quindi inibizione del reflusso in alto del sangue venoso...
    Dott. Vincenzo Tortora
    vivereinformamailfacebook

  13. #12
    Bodyweb Advanced
    L'avatar di jonny@NY
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    1,254
    Grazie
    118
    Ringraziato 22 volte in 20 post

    Predefinito

    perfetto!

+ Rispondi alla Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato